trucchi e consigli per i fiori recisi

Luglio è da sempre il mio mese preferito, lo amo per la bella temperatura e per le serate lunghe e chiare che invitano a restare all’aperto fino a tarda sera. Si cena in terrazzo o in giardino, e il più delle volte è un’occasione per fare festa con amici vecchi e nuovi!
Anche se il clima di questi giorni è caldo e afoso, non rinuncio però a recidere qualche fiore del mio giardino per decorare la tavola o arredare un angolo del portico.
Ecco allora qualche consiglio di cosa e come fare per mantenere più a lungo i fiori recisi.

Prediligete il mattino presto o la sera tardi per recidere i fiori, quando l’aria è fresca e i gambi non sono ancora stressati dal caldo della giornata. Assorbiranno meglio l’acqua.
Utilizzate cesoie affilate, pulite  e sterilizzate, praticate il taglio netto in modo obliquo e prima di immergere i fiori in acqua, togliete dal gambo le foglie che saranno sotto il livello dell’acqua.

A seconda delle varietà dei fiori, le modalità per la loro conservazione varia, vediamo come:

fiori appassiti
Se il fiore appare appassito provate ad immergere tutto lo stelo in acqua tiepida per 3/4 ore, o sino a che non si sia ripreso del tutto. Utilizzate dei secchi di zinco. È un sistema particolarmente adatto per le rose. Se le rose hanno un gambo lunghissimo, e non avete un vaso cosi’ alto potete sdraiarle nella vasca da bagno!

gambi legnosi
I fiori a gambo legnoso – vedi lillà, viburni, ortensie, …- hanno difficoltà ad assorbire l’acqua. Prima di disporli nei vasi, potete schiacciare l’estremità dei gambi con un pestello o un sasso; praticare con il coltellino delle incisioni di 3/4 centimetri sempre all’estremità del gambo; oppure immergerli in acqua bollente. In questo modo le spore si chiuderanno trattenendo la linfa. Ottimo per le rose, le foglie di piante tropicali, le euforbie, ecc.

stelo cavo
I fiori a stelo cavo come gli amaryllis, i delphinium, i lupini, ecc,  si capovolgono e si riempie d’acqua lo stelo, chiudendolo poi con un batuffolo di ovatta umido o carta velina. Questo evita il formarsi di bolle d’aria che impedirebbero l’assorbimento dell’acqua. Oppure recidete i gambi direttamente sotto l’acqua per evitare il formarsi delle bolle d’aria.

bucare lo stelo
Può succedere che nonostante gli accorgimenti presi, il fiore una volta posto nel vaso, tenda ad avvizzire ugualmente. Quasi sicuramente nello stelo si sono formate delle bolle d’aria. Lasciando il fiore immerso nell’acqua, praticate dei fori nello stelo ogni 4 centimetri -due dita- con un ago.
Un sistema molto valido per i tulipani.

E ora arriviamo a come mantenerli 
Una compressa di aspirina sciolta nell’acqua del vaso la mantiene piuttosto limpida e prolunga la vita dei fiori recisi. Anche un cucchiaio di aceto o succo di limone vanno bene. Valide sono le polverine specifiche da sciogliere nell’acqua -le bustine- che si trovano in commercio, particolarmente utili per fiori rari e costosi. Inoltre ogni giorno aggiungete acqua fresca e  non gelata  a quella esistente, e senza smontare tutta la composizione floreale, sostituite i fiori avvizziti con quelli freschi!

Annunci

Nei vasi del terrazzo

Ci aspettano 3 giorni di vacanza con tempo bello e caldo. Il clima invita a stare all’aperto in terrazzo o in giardino. Se ancora non avete pensato a che cosa mettere nei vasi per il vostro dehors, questo fine settimana è l’occasione giusta per farlo.

Sono ormai anni che nei grossi vasi posti vicino alle colonne del portico, inserisco un mix di piante fiorite. L’anno scorso mi sono cimentata con le piante di Petunia Sweetunia ‘Black Satin’, vedi qui, ma sono rimasta un po’ delusa.Dopo poco tempo le belle petunie nere si sono ammalate!
Quest’anno ho voluto ritentare con il colore scuro -quasi nero- acquistando due piante di salvia guaranitica ‘Black and Bleu‘.

Una pianta l’ho posta al centro del vecchio vaso in cotto  insieme a tre piante di Sundaville (Dipladenia) ‘Beauty White’, e l’altra sempre in un vaso in cotto, un po’ più moderno, da sola. Sembra che diventi grandissima e molto larga. Io me lo auguro, amo le piante che escono dai vasi.
Pare dicano: brava giardiniera!!!

Come sempre sul fondo di ogni vaso, prima di inserire del buon terriccio, ho fatto uno strato di 4 centimetri ca. di argilla espansa – ma vanno bene anche alcuni pezzi dei vasi rotti in cotto – , servirà per drenare.

Al centro ho inserito una pianta di Pelargonium odoroso, bellissimo! Leggero ma riempitivo, con fiori quasi inesistenti ma molto eleganti. Sul retro del vaso, una novità: sembra una Margherita ma con le foglie e il portamento di un Cosmos …non so il nome pero’! Mi informerò! …amo sperimentare ormai lo avete capito. La sua crescita è discreta e dona colora alla composizione. A sinistra una pianta di Scaevola ‘Print White’, pianta generosa, cascante e che ama stare in compagnia.

Una composizione mista risalta se ha movimento!
Ora siamo all’inizio della stagione e sono già rigogliose, chissà a fine estate…

workshop di maggio: decorare con rose e peonie

Ecco ci siamo, le rose e le peonie sono tutte fiorite. E’ ora di utilizzarle per decorare le nostre case!
Sabato 27 maggio alle ore 15, presso lo SpazioCorsi si terrà:
il Workshop: DECORARE CON ROSE E PEONIE

un laboratorio per imparare a realizzare un’insolita e affascinante composizione floreale, da regalare o da tenere per sé!
Come d’abitudine, allo SpazioCorsi, troverete un esempio di una mise en place a tema e tante piccole idee già realizzate.
Tante rose e peonie ci aspettano!!!

☕ un tè primaverile e i dolcetti della casa accompagneranno il nostro pomeriggio floreale.

Tutte le info le trovate cliccando qui .   

#fioridivenerdì – – – – MYPLANT & GARDEN

Per il nostro appuntamento del venerdì tante composizioni floreali realizzate dai grandi maestri italiani che oggi ho incontrato a MYPLANT & GARDEN. La manifestazione internazionale riservata ai professionisti del florovivaismo, del paesaggio, del garden e del greenbuilding in Italia.20170224_myplant-70Fra i tanti eventi proposti, mi sono soffermata più a lungo nell’area: Piazza della Decorazione.  Creatività, innovazione, estro, professionalità e passione per i grandi maestri dell’arte floreale internazionale.16864344_382207552165518_6273258682648733_n20170224_myplant-33 20170224_myplant-9

#fioridivenerdì- – – – – – il centrotavola di fine anno

Le calde e insolite temperature di questo inverno mi hanno ispirato.

Sicuramente domani sera brinderemo all’aperto, cosi’ ho pensato di realizzare una semplice decorazione da posizionare all’esterno.
Le luci delle candele creeranno l’atmosfera adatta per illuminare la notte più attesa dell’anno.20161230_legno_con_candela-1

Ho rubato dalla legnaia un ciocco di legno. Con il mio nuovo trapano, ho praticato un foro per inserire la candela, che ho fissato con un po’ di colla a caldo. Poi, ho decorato il ciocco con quello che è rimasto dai lavori di Natale. Con il filo di ferro ho fissato al legno un ramo di Abies Nordmanniana, due rami di Cotoneaster con bellissime bacche rosse e qualche fetta d’arancia essiccata sul piano della caldaia per alcuni giorni.
20161230_legno_con_candela-2

#fioridivenerdì – – – – decorazioni natalizie scintillanti

Siamo ancora in tempo per realizzare le decorazioni che abbelliranno le nostre case durante il periodo natalizio.
20161212_coronedi_natale_jpg-1La corona o ghirlanda, è sempre un evergreen -in tutti i sensi- e non deve mancare nelle nostre case. Potrà abbellire le porte, i cancelli, oppure decorare le tavole dei terrazzi o la tavola delle feste come centrotavola.20161212_coronedi_natale_jpg-2Con il solito procedimento realizziamo la corona, utilizzando i rametti di Abies nordmanniana. Una volta terminata, liberiamo la fantasia e iniziamo la decorazione.
Anche se non amo arricchirle troppo -sono già belle così- ho aggiunto degli elementi naturali, modificati.20161212_coronedi_natale_jpg-3 Ho acquistato  -chissà come mai?- un mazzo di Asparagus, colorato artificialmente di verde. Accostato ai soliti elementi naturali che utilizzo, il risultato è terribile!

Ho pensato di farlo diventare bianco, utilizzando la classica bomboletta spray, e il risultato è stato soddisfacente!
20161212_coronedi_natale_jpg-420161212_coronedi_natale_jpg-9 20161212_coronedi_natale_jpg-5 20161212_coronedi_natale_jpg-6

Ho inserito a ciuffetti i rami sbiancati, aggiunto le pigne, anche loro spruzzate di bianco, e fissato il tutto con il fil di ferro.

Precedentemente ho preparato: per una corona, delle piccole stelle, una grande stella per l’altra, e per la terza ho proprio liberato la fantasia!

Ho innevato una sagoma in polistirolo a forma di renna, inserito uno spillo con la capocchia rossa per fare l’occhio e degli spilli a capocchia trasparente per fare il colllier di diamanti.
Ho legato il tutto con nastri in nuance di diverse misure e completato la corona aggiungendo un filo di lucine a batteria.20161212_coronedi_natale_jpg-8Vi assicuro che dal vivo l’effetto è magico!!! Buon fine settimana a tutti!

il centrotavola facile da copiare

Tutti abbiamo a casa un vaso, cilindrico o a sfera non è importante, per realizzare questo semplice centrotavola. Adatto alle tavole ma anche sulle consolle.

Al momento -se non è già stato venduto- si trova a Castelletto sopra Ticino -insieme ad altre composizioni natalizie-  presso Cristina Donato Compagnia della Bellezza per il mio Temporary Store  natalizio. Non mancate!
20161209_vaso_con_sfera_verde_e_nastri_pendenti-1

occorrente:
vaso cilindrico ikea (cylinder)
sfera idrospugna
verdi misti (abies, eucalyptus, mirto …)
pigne
spray bianco
nastro
sale fine

20161209_vaso_con_sfera_verde_e_nastri_pendenti-11

Immergete la sfera in acqua senza pressarla e posizionatela sul vaso. Tagliate dei rametti -del verde scelto- della stessa misura e iniziate a decorare infilandoli nella spugna.
Se avete scelto più essenze (abies, eucalipto, mirto ecc), cercate di alternarle e non raggrupparle, per avere un effetto naturale.

Terminato di riempire la sfera, giratela e foderate la parte inferiore con dei rametti che fisserete con le cambrette realizzate con il filo di ferro (vedi qui).20161209_vaso_con_sfera_verde_e_nastri_pendenti-12

Per dare il tocco invernale alla composizione floreale, spruzzate le pigne con la bomboletta spray e riempite il vostro vaso con un po’ di sale .
Posizionate all’interno, sopra il sale, una pigna, appoggiate la sfera sul  e decorate con il nastro.
Fate passare sopra alla sfera il nastro con le pigne legate alle estremità. Ancorate i nastri, con un cambretta fissata in alto e in centro della sfera.
Per far durare più a lungo la vostra realizzazione, vaporizzatela con lo spruzzino. 20161209_vaso_con_sfera_verde_e_nastri_pendenti-13