Fiori pied dans l’eau

DSC_0024tGiovedì è stata una giornata calda, soleggiata e con un cielo azzurro. Quest’anno è cosa rara, da annotare in agenda! Sembrava essere in estate!
Mi sono presa una pausa dal lavoro e con un’amica sono  andata a fare una passeggiata. Ho fatto bene! Oggi, al contrario, è una giornata piovosa, ed è anche ritornato il freddo!!! In questo  momento, mentre scrivo, sta diluviando. Il  mio pensiero va alle fioriture di stagione…che peccato, l’acqua le sta rovinando tutte!

prcorso lago di Varese

Ma torniamo alla bellissima giornata di giovedì. Mi sono regalata una passeggiata in mezzo alla natura. Ho scelto di andare al lago di Varese. Attorno al lago c’è una ciclabile, la si può percorrere a piedi, in bicicletta o con i pattini. Il percorso,  lungo  28 Km, permette di scoprire tutte le meraviglie che costeggiano il lago.

Il tracciato è molto suggestivo:  passa tra boschi, graziosi nuclei abitati, grandi prati fioriti e, costeggiando il lago pied dans l’eau, come dicono i francesi, si ha la sensazione di assoluta quiete. Il percorso, per la sua facilità, è frequentato da persone di tutte le età a tutte le ore del giorno.Copia di DSC_0022t

A seconda della stagione, sono presenti tantissime varietà di pante e fiori spontanei. Ciò che mi colpisce sempre è il sottobosco di Allium ursinum o meglio aglio orsino: una lunga distesa di fiorellini bianchi. Già da lontano se ne percepisce la sua presenza, il suo ‘profumo’ lo annuncia. aglio_orsinoInoltre,  helleborus, cerfoglio selvatico, ranuncoli, veccia e tanti altri sotto ad ontani e salici oppure fino a riva.

Prezioso come non mai, il libro che ricevetti un Natale di anni fa, da cari amici.

foto

flora del lago di Varese

DSC_0028tDSC_0032t

Consiglio una gita in questo luogo delizioso. Per approfondimenti cliccate qui: http://www.ilvaresotto.it/laghi/LagoVarese.htm e sulla mappa per ingrandirla

mazzo di Fiori Nostrani

Da un po’ di anni mi è venuta anche una nuova “mania”: scovare fiori spontanei o come li chiamo io, fiori nostrani.

La campagna, è vero, mi è sempre piaciuta e appena posso, quando sono in auto, lascio la diritta via e allungo il percorso passando in mezzo a prati e a vigneti. Un’occasione per vedere alberi, cespugli, e fiori spontanei.

Contagiata dai prati fioriti del Golf e dalle aiuole fiorite viste l’anno scorso in Francia, ora sono alla ricerca di prati fioriti nostrani ovunque.E voilà che proprio ieri ne ho scovato uno.Questa mattina di buon’ora sono andata in bicicletta a fotografarlo e sul ciglio della strada ho raccolto solidago, graminacee, fili d’erba, spighe e altro.

Dato il bottino andrò più spesso in bicicletta, alcune “cose” dal finestrino non si notano!

Nel mio  mazzo  di oggi c’è  solo una parte di tutto il raccolto mattutino, il resto l’ho utilizzato per…ci vediamo domani!