#fioridivenerdì – – – – – – – – decorazione romantica per la tavola all’aperto

Quando trovo un vecchio gazebo o una pergola nella location dove si svolgerà la festa o il pranzo degli sposi, mi sento molto fortunata.
E’ la volta di un importante compleanno, e il festeggiato ha scelto un’antica residenza in campagna per far festa con gli amici. Sarà un party semplice, dal gusto un po’ campagnolo, ma al contempo elegante.

Il pranzo si svolgerà  sotto il vecchio pergolato di uva fragola, su tavoli lunghi e rettangolari. Sicuramente il posto per le decorazioni floreali sarà limitato cosi ho pensato di realizzare una decorazione che scende dall’alto. Appoggerò i fiori su una tavola che sarà appesa al gazebo tramite delle corde.

Sto facendo delle prove -nel mio giardino- utilizzando i fiori del Viburnum opulus, che quest’anno sono veramente favolosi.  Amo la stagionalità, e cerco sempre di rispettarla in ogni occasione. Il mio stile romantico e morbido, mi porta quasi sempre a realizzare allestimenti floreali dal sapore semplice, con fiori e verde di stagione e che sono  molto vicine alla realtà.  

Un’altra decorazione per la tavola che ha come protagonista le candide sfere del  viburno la potete trovate qui

Annunci

#fioridivenerdì- – – – – un bouquet per dire grazie ♥!

MI SENTO quasi in colpa per non aver mai ringraziato voi che mi leggete, che mi seguite e che con grande mia soddisfazione crescete sempre più. Grazie di

E’ bello condividere le passioni e sapere che siamo in molti ad amare i fiori in giardino o nelle composizioni.20150911_Benedetta_con_bouquet Un regalo virtuale ma fatto con il CUORE raccogliendo quello che ho trovato questa mattina a casa.20150911_Benedetta_con_bouquet_1:”ok mamma tengo il mazzo, però una foto spiritosa me la fai”  …è giovane
20150911_Benedetta_con_bouquet_2

Qualche fiore di Hydrangee macrophylla, quest’anno seccate un po’ troppo in anticipo a causa del caldo e dell’afa, un mazzetto delle Aspirine Rose, generose rose che regalano fioriture sino ai primi freddi.
Due bellissime rose moderne della collezione Barni che coltivo nell’orto, rametti di erba luigia, rosmarinus prostratus che insieme  a quelli della menta emanano un fresco profumo e ci ricordano che anche l’orto ci dà una mano per i mazzetti floreali.
Il sempre-fiorito centranthus ruber, i rametti della cascante Weigelia con i suoi piccolissimi fiori ad imbuto.
Ad impreziosire il mazzo un tocco di modernità con rami di Muehlenbeckia.

Mise en place con ghirlanda di luppolo

QUANDO la tua bambina per la festa di compleanno ti domanda se l’aiuti a preparare un pranzo placè al posto della solita festicciola, capisci che è cresciuta. E’ donna!_A20150905_compleanno_Benedetta (5)A

E’ cresciuta con te, apprendendo l’amore per la cucina, per il convivio, e per la tavola decorata.

Mi ha chiesto di darle una mano ad arredare il terrazzo, a preparare la tavola. ” Come fai sempre tu mamma, niente di complicato, una cosa messa lì…all’ultimo momento!”

Settembre, campagna, cascina, terrazzo con una finestra sul bosco.
Da noi in questa stagione il verde è il colore predominante, lavorerò su quello!20150908_mise en place con ghirlanda di luppolo (5)

Ho pensato alle mie tovaglie in juta, ai piatti in vetro, ai bicchieri con le apine e al luppolo.20150908_ghirlanda_di_luppolo (4)

Humulus  lupulus …è proprio lì a portata di mano, nel bosco oltre la siepe informale.
Pianta spontanea perenne, la si trova lungo i corsi d’acqua e ai margini del bosco, in terreni fertili e freschi. Il luppolo lo si scorge alla fine dell’estate, quando i coni verde chiaro – i fiori – appaiono sulla pianta spiccando nella vegetazione. Vigoroso rampicante, si arrampica sugli alberi per mezzo di lunghi fusti fino ad arrivare ad una altezza di 6/7 metri. Lo trovate aggrovigliato in luoghi dove il sole lo riscalda.
E’ usato e apprezzato da sempre per il processo produttivo della birra.

20150908_ghirlanda_di_luppolo (1)20150908_ghirlanda_di_luppolo (2)
20150908_ghirlanda_di_luppolo (3)

Ho reciso alcuni fusti, non tanto lunghi, – troppo alti per  me -, utilizzando le cesoie e indossando dei guanti. I suoi rami sono ruvidi per vie delle minute spine che utilizza per affrancarsi ai grandi alberi.

Ai rami ho tolto le foglie cuoriformi, e ho circondato ogni piatto con una ghirlanda formata dai tralci del luppolo.  Al centro del tavolo ho completato la mise en place con spighe di Liriope muscari.

Ore 13: tutto pronto!!!
Siete curiosi di sapere il menu?

L’hydrangea arborescens che fiorisce in rosa e poi diventa verde

SE AMATE la famosa Hydrangea arborescens ‘Annabelle’, sicuramente vi piacerà anche Hydrangea arborescens ‘Invincibelle Spirit‘, la prima arborescens che fiorisce in rosa.

Durante un’escursione negli Stati Uniti sulle Blue Ridge Mountains, Richard Olsen scoprì casualmente un’arborescens rosa. Rara e molto bella decise insieme a Tom Rammey di crearne un ibrido incrociandola con H. arborescens Annabelle.
Fu così che nel 2010, dopo anni di prove, sul mercato apparve Hydrangea arborescens Invincibelle ‘Spirit’.

Rispetto alla cugina Annabelle , il suo sviluppo è più contenuto, le foglie e fiori sono meno appariscenti, ma più longevi. Di portamento anch’essa molto elegante e morbido, si colloca bene nei giardini informali, donando loro un’aria romantica e vissuta.
I suoi fusti, più forti rispetto a quelli di Annabelle, riescono a sostenere le infiorescenze.
20150817_Hydrangea_arborescens_Invincibelle_Spirit (15)A
Da piantare a mezzombra, ma anche in posizione soleggiate, si adatta bene in qualsiasi tipo di terreno raggiungendo il metro di altezza. Resistentissima al freddo, ha tollerato bene anche il caldone di questa estate.

Rispetto alle più conosciute Ortensie macrophylla, vegeta più tardi, nota da non sottovalutare per avere un giardino sempre fiorito.20150817_Hydrangea_arborescens_Invincibelle_Spirit (4)I suoi fiori globosi, più piccoli rispetto a quelli di Annabelle, ma più duraturi, sbocciano a maggio di un intenso rosa scuro, per poi sbiadire verso tonalità più chiare a settembre, fino  a diventare verdi. 20150817_Hydrangea_arborescens_Invincibelle_Spirit (8)AA fine estate -quest’anno un po’ in anticipo – le piccole sfere diventano di un bel color verde, e si prestano bene ad essere essiccate mantenendo per mesi il loro colore.20150817_Hydrangea_arborescens_Invincibelle_Spirit (18)A
La potatura è da eseguirsi a fine inverno, anche in modo drastico, in quanto la pianta fiorisce sul ramo dell’anno. Ho letto da qualche parte, che se innaffiata regolarmente, produce fiori più grandi.

 ♥ tra i miei lavori la coroncina e il bouquet della sposa realizzati con le Hydrangee arborescens.
e un informale piccolo bouquet

lavanda per il bouquet, per i segnaposto e …per il matrimonio di Maria Cristina e Andrea

Tanti i FIORI, anzi TANTISSIMI, per  Maria Cristina e Andrea, SPOSI giovani e romantici.

Andrea_E_MaryIl filo conduttore è stato la lavanda per i giovani sposi che avevano le idee chiare su come doveva essere -e lo è stato- il loro matrimonio.

Il Color lavanda per i foglietti del tableau mariage, per la matita usata per scrivere gli inviti e i segnaposto.
I fiori – le spighe – della generosa e stagionale lavanda, per confezionare i mazzetti dei segnaposto, per arredare i tavoli di servizio, buffet e buvette, da inserire, a fasci, nei vecchi secchielli in zinco.
I vasi di Lavandula angustifolia  per arredare i vecchi cassetti, a far da cornice all’angolo della piscina tra la profusione dei cespugli delle rose rosse.
Solo spighe di lavanda a formare il bouquet della sposa.

Mary è stata felice, quando slegando il nastro in pizzo della scatola, ha trovato il suo sognato bouquet.
Mi aveva chiesto espressamente: “per il mio bouquet voglio un mazzo lungo di campo. Immagina di stare in mezzo al campo di lavanda e di raccogliere le spighe facendone un fascio. Direttamente lì sul campo. Come sicuramente fai quando passeggiando trovi i fiori che ti piacciono 😉” (è così evidente?) E io l’ho accontentata!11036413_10207179993519956_4573595256576700197_n

E nei conetti handmade: petali di rosa, ortensie, margherite e fiori …ops anche un paio di occhiali?

Un grazie di cuore a Mary e ad Andrea, ragazzi giovani ma determinati, per le belle parole ricevute, e per aver potuto realizzare questo matrimonio ...che è nelle mie corde come nelle loro! Auguri!

Le foto sono state scattate al volo e prese da FB, quelle ufficiali le troverete presto sul mio sito betticalani.com

 

con Maestri di Giardino è tempo di ortensie ♥♥♥

Copio e incollo dall’evento creato su Facebook dall’Associazione Maestri di Giardino:

Un laboratorio pratico con la Flower Designer Betti Calani tutto dedicato alla decorazione con il fiore dell’estate!
Trucchi e consigli su come essiccare le ortensie e conoscere le varietà di fiori più adatti ad essere recisi per la composizione floreale.

Per info e prenotazioni: laboratori@maestridigiardino.com MdG_workshop

Spazio Corsi – Carnago lunedì 6 luglio
dalle ore 14.30 alle ore 18.30

Lo so è un  po’ presto per iniziare a fare le coroncine che  tanto ci piacciono, i romantici cuori, e i corsage da indossare ai matrimoni e non solo! Ma durante questo workshop faremo una passeggiata in giardino per ammirare le classiche Hydrangee Macrophylla nei colori rosa azzurre e verde, il nuovo -ma già vigoroso – impianto delle Querciftolia ‘Snow Queen’, le più datate Quercifolia ‘Snow Flake, le insolite ‘Aspera villosa’. Tutte nel pieno della loro bellezza e del loro splendore!

Inoltre raccoglieremo i fiori e le foglie che durano di più e che ben si accostano con le ortensie. Tutto il materiale servirà per allestire la nostra tavola d’estate. Ortensie, rose, l’Erba luigia, il finocchio selvatico e tante altre

Forse -ma non credo –  i fiori recisi appassiranno un po’ prima, ma siamo fortunate, le calde temperature di questi ultimi giorni hanno accelerato le fioriture.

logo MdG oki laboratori dell’Associazione Maestri di Giardino

MdG-Lab: la nuova proposta di Maestri di Giardino: veri e propri laboratori intensivi, della durata di 4-8 ore a carattere teorico-pratico, in cui i maestri dell’associazione (vivaisti, giardinieri e paesaggisti)
dedicano una lezione a chiunque sia interessato ad apprendere e seguire una specifica
attività del loro giardino o vivaio nel luogo dove l’esperienza matura.
La partecipazione è aperta a tutti, previa iscrizione all’Associazione (quota annuale € 50,00 che da’ diritto a prendere parte a tutte le attività di MdG e ad acquistare le pubblicazioni ad un prezzo scontato).

Costi dei laboratori:
Modulo da 4 ore: € 50,00
Modulo da 8 ore: € 90,00

Tutti gli appuntamenti in calendario:
www.maestridigiardino.com/stage/mdg-lab/

Old Place Farm, un elegante giardino inglese

Inserito in un ambiente  assolutamente agreste, è il classico giardino all’inglese, dove tutto è studiato nei dettagli in modo impeccabile, benché abbia un aspetto naturale.
Un piccolo giardino privato ideato da un paesaggista molto famoso in Inghilterra: Antony du Gard Pasley.20090621_Old_Place_farm_28

La casa è in stile elisabettiano

Nei 4 acri (poco più di 16.000 metri quadrati) di proprietà, si ritrova tutto il giardino all’inglese.
Ogni spazio è abbellito in modo sobrio ed elegante. Accanto alla casa suggestivi sono gli angoli fioriti.

I vasi disposti a gruppo contengono mix di fiori colorati rallegrando zone nascoste e buie. Sulla facciata enormi rampicanti di rose arrivano fino al tetto incorniciandola.

Grandi mixed border, il decorativo potager e una stanza dedicata all’arte topiaria, l’ultima passione della padrona  di casa – era il 2009- ne sono alcuni esempi

Sinuosi viali ci portano a scoprire: il laghetto, aiuole di salici, la casetta per i bambini.

Tutta la proprietà è circondata da prati fioriti. Una caratteristica che la rende romantica.

Immerso tra i  wildflower o meglio: fiori spontanei, si scorge il campo da tennis.
Durante la nostra visita quattro signori vestiti rigorosamente di bianco giocavano a tennis … sembrava di essere dentro a un film.

Questo giardino mi è rimasto nel cuore!
Molto curato e luminoso, rispecchia l’eleganza dei proprietari. La gentilissima padrona di casa ci ha accolto calorosamente mettendoci a proprio agio.
Ma il giardino prosegue e arriva fino in casa. Oltre ai quadri, ai libri, e all’arredamento, molto british, mi ha colpito molto la decorazione floreale. Il salone dove siamo stati ricevuti è stato addobbato da immensi tralci di luppolo appesi alle pareti o fatti scendere dalle travi.
Un’idea …meravigliosa!

old_place_farm (4)_

Il luppolo l’ho raccolto l’estate scorsa, ricopriva tutta la rete di recinzione di un cantiere di una casa in costruzione.
L’ho utilizzato per incorniciare lo specchio appeso nel mio laboratorio.
Non è un granché … ma al momento mi accontento😉

…segue nel prossimo post.