la ghirlanda che si trasforma in un centrotavola di Pasqua

Hello Spring Workshop-226_

IL SABATO DEL VILLAGGIO
La donzelletta vien dalla campagna,
In sul calar del sole,
Col suo fascio dell’erba; e reca in mano
Un mazzolin di rose e di viole,
Onde, siccome suole,
Ornare ella si appresta
Dimani, al dì di festa, il petto e il crine.
Siede con le vicine
Su la scala a filar la vecchierella,
Incontro là dove si perde il giorno;
E novellando vien del suo buon tempo,
Quando ai dì della festa ella si ornava,
Ed ancor sana e snella
Solea danzar la sera intra di quei
Ch’ebbe compagni dell’età più bella.
Già tutta l’aria imbruna,
Torna azzurro il sereno, e tornan l’ombre
Giù da’ colli e da’ tetti,
Al biancheggiar della recente luna.
Or la squilla dà segno
Della festa che viene;
Ed a quel suon diresti
Che il cor si riconforta.
I fanciulli gridando
Su la piazzuola in frotta,
E qua e là saltando,
Fanno un lieto romore:
E intanto riede alla sua parca mensa,
Fischiando, il zappatore,
E seco pensa al dì del suo riposo.
Poi quando intorno è spenta ogni altra face,
E tutto l’altro tace,
Odi il martel picchiare, odi la sega
Del legnaiuol, che veglia
Nella chiusa bottega alla lucerna,
E s’affretta, e s’adopra
Di fornir l’opra anzi il chiarir dell’alba.Questo di sette è il più gradito giorno,
Pien di speme e di gioia:
Diman tristezza e noia
Recheran l’ore, ed al travaglio usato
Ciascuno in suo pensier farà ritorno.Garzoncello scherzoso,
Cotesta età fiorita
E’ come un giorno d’allegrezza pieno,
Giorno chiaro, sereno,
Che precorre alla festa di tua vita.
Godi, fanciullo mio; stato soave,
Stagion lieta è cotesta.
Altro dirti non vo’; ma la tua festa
Ch’anco tardi a venir non ti sia grave.Giacomo Leopardi


Era sabato e come la donzelletta che vien dalla campagna, anch’io – pero’ non più donzelletta … tornavo dal Central Park con un fascio di erbe in braccio, non per adornarmi, ma per adornare la casa.

Da febbraio Mario ha iniziato a potare le sue piante, ha tagliato alle graminacee la parte aerea, ormai secca. Un caldo cappotto che durante l’inverno le ha protette dal freddo e dal gelo.

Il frutto dello sfalcio che in alcune piante sembra paglia, in altre, bellissime spighe, è il materiale che ho utilizzato per realizzare le composizioni pasquali. Vi avevo anticipato qualcosa qui

Ho ricoperto la vecchia ghirlanda natalizia con la paglia che ho fissato con il filo di ferro.
Vanno benissimo anche le classiche di vite, clematis vitalba o semplicemente di polistirolo.
Ho aggiunto dei legnetti che ho affrancato con delle forcine in ferro.
Sulla parte esterna ho realizzato una decorazione utilizzando la rafia gialla o verde.
Il centrotavola è pronto per essere decorato per il periodo pasquale.

Un’idea semplice e facile, che è piaciuta alle ragazze di Hello Spring. Potete vedere le realizzazioni sulla bacheca Flowers & Photos di Pinterest.
Al centro un pezzetto di idrospugna dove sono inseriti: tulipani, margherite, ginestra, boccioli di magnolia stellata, viburnus tinus.

 

Masino 2012 io e MarioNon è la prima volta che l’amico Mario mi regala dei fiori… Masino 2012

Mari grazie di cuore, per le belle foto!

 

Annunci

Tante stelle per accogliere il nuovo anno!

Ultimi e semplici preparativi per accogliere il nuovo anno.
I nastri con appese le boule in vetro sono attaccati al lampadario e le stelle appese alle grandi finestre sembrano sospese nel nulla.
Fuori invece ci ha pensato il cielo. Tutto è bianco.
La neve appena caduta ha ricoperto gli alberi, i tetti  degli chalet e i grandi prati creando un paesaggio magico!20141231_auguri_0300

Le stelle sono state realizzate utilizzando semplici legnetti.
Tra due stelle di corteccia di betulla ho infilato a raggiera i legnetti e con l’aiuto della colla a caldo li ho fissati.
Altre stelle più  piccole le ho incollate qua e là. E per appenderle…il solito filo di lana-corda.

Un clic sulla foto sotto e le stelle illumineranno il vostro nuovo anno… Auguri!
stella

evergreen wreath per un #NatalealVerde

evergreen wreath Da sempre mi piace il fai da te e cerco di applicarlo al mio lavoro!
C’è stato il tempo del tricot o knitting come usa dire oggi, dell’uncinetto, del cucito, fino ad arrivare al mondo del ricamo.
Non tutto però, solo il punto croce.
Per un lungo periodo ho ricamato sempre.  In vacanza, in auto, anche a letto,  facendo le ore piccole per vedere realizzato quel piccolo particolare.
Ogni nuovo lavoro è stata una sfida. Ricercare – il più delle volte on-line –  disegni particolari da realizzare su lino fine – of course -. Quello con più’ fili, il classico lino Bellora.
Lavori molto più lunghi, ma preziosi.ricamo con Babbo NataleDi tutti i miei lavori eseguiti non ne ho incorniciato neanche uno, pero’ mi piacciono sempre, e ogni anno a Natale, ne scelgo uno a tema, e cerco di valorizzarlo.

E’ la volta di questo Babbo Natale americano, non difficile da eseguire, che ho posizionato dietro alla corona di salice.  Hobby & Work
Realizzata un po’ di anni fa, a differenza delle altre, non viene rimossa dopo il periodo natalizio.evergreen wreath_1

La sua esecuzione, rispetto alle classiche corone verdi, è più complicata. Si intrecciano i finali del ramo del salice contorto con molta pazienza e un po’ di abilità.

evergreen wreath_2Le lucine con la batteria, che belle!!!

Un modo ricicloso per utilizzare ciò che si ha in casa ed essere in linea con il mood dell’iniziativa

Questo post partecipa all’iniziativa promossa da AboutgardenL’ortodimichelle e GiatoSalò

Natale al  VERDE!

natalealverde

In linea con il periodo che stiamo vivendo, la creatività è di scena con le inedite e originali proposte di tanti blogger per un progetto davvero al passo con i tempi!

partecipano con me:
Aboutgarden
Art and craft
Cakegardenproject
Centopercentomamma
Comida De Mama
Con le ballerine verdi
Dana garden design
Giardinaggioirregolare
Giato Salò
Home Shabby Home
Hortusinconclusus
Il Castello di Zucchero
La malle de maman
L’ortodiMichelle
Orti in progress
Ortodeicolori 
Piccolecose
4piedi&8.5pollici
Quattro toni di verde
Sahbbysoul
Ultimissime dal forno
Un giardino in diretta
25mqdiverde
Verdeinsiemeweb

banner_giardinaggio

“Puoi sfogliare e pinnare tutte le immagini dell’iniziativa nella board dedicata al Natale al VERDE in Pinterest 

 

Con gli avanzi della ghirlanda ho fatto una finestra

20141211_finestra_per _uccelli (10)_Come anticipato qui, ho riutilizzato tutti  i rami di abies picea che sono serviti per costruire le corone. Privati da tutti i loro rametti laterali, sono spogli e sembrano tanti bastoni con tanti spuntoni.20141211_finestra_per_uccelli

Nel realizzarla ho pensato a loro, agli uccellini, che vengono a visitare spesso il mio giardino per nutrirsi.
Negli anni ho scelto delle piante che dopo la fioritura producono le bacche.20141211_finestra per uccelliCome si fa:
iniziate intrecciando i rami facendo una croce, unite con del fil di ferro robusto per legarli. Munitevi di una pinza per tirare bene il filo. Continuare con lo stesso procedimento anche per i lati.

20141211_finestra_per _uccelli (1)La finestra è terminata!
Mele, bacche di Skimmia japonica, di Hypericum, di rosa, meline, pigne, legnetti per decorare e non solo…20141211_finestra_per _uccelli (2)

L’anno scorso un pettirosso veniva sempre a trovarmi, speriamo che si posi su questa finestrella…ho messo anche una palla  per cince.
Il cancello è aperto a tuttipettirosso_a_Carnago

Ho spostato la mia finestra qua e là… inizia a far freddo, arriveranno!

 

 

#fioridivenerdì – – – – – – – domani si replica #workshop delle feste/2

Lungo il viale che conduce al mio nuovo spazio corsi, guardando a sinistra, c’è un vecchio casotto.

20141204_corona_natalizi_Franca (7)_Costruito tra la prima e la seconda guerra mondiale, non è mai stato ristrutturato,  a parte il tetto. Durante la seconda guerra mondiale è stato il luogo dove il nonno ha nascosto vino e salumi. Poi nel corso degli anni è diventato serraglio dei cani, da ritirare al mattino, quando si facevano le pulizie di casa -ben tre rottweiler-  Successivamente legnaia, e ora ripostiglio, per il mio verde: muschio, rami di abies, betulle, magnolie ecc. Tutto materiale da utilizzare per realizzare le decorazioni natalizie.20141204_corona_natalizi_Franca (10)_Da poco l’ho scoperto come luogo ideale, per fotografare le mie composizioni floreali.
20141204_corona_natalizi_Franca (17)_
Anzi, a dire il vero, è stata Mari che vedendolo, ha voluto fotografare lì, alcuni oggetti, bouquet e centrotavola di BiancoAvorio, il nostro magazine sul wedding.

Quest’anno inizio da qui il mio allestimento natalizio 20141204_corona_natalizi_Franca (11)_

Domani si ripeterà la magia del fare

201421129_workshop_delle_feste (22)_definitivo
A grande richiesta un altro pomeriggio da passare insieme a realizzare corone, ghirlande centrotavola e tubi di muschio.
Laboratorio di Carnago ore 14.30, qui tutte le informazioni 

#workinprogress

201421129_workshop_delle_feste (21)__

Nicoletta durante il workshop ha scattato qualche foto per noi!


copertina

ghirlandine di ortensie sulla porta di casa

Inizia la raccolta anche per le Hydrangee Macrophylla. ghirlandina di hydrang 001T

Credo che il gran caldo dell’ultima settimana abbia accelerato i tempi. I fiori azzurri sono diventati di un azzurro-polvere e quelli rosa hanno sfumature violaceo opaco. I grandi globi non sono più turgidi ma iniziano ad appassire.
Io ho iniziato a reciderne un po’ per farli essiccare.

Qualche fiore ortensia l’ho messo nel cesto sulla credenza, altre in un secchio con un po’ d’acqua, rigorosamente al fresco e al buio. Nei prossimi giorni dovrò confezionare delle coroncine da appendere alle sedie come segnaposto.PicMonkey Collage1

PicMonkey Collage

Ho realizzato questa piccola ghirlanda dividendo il fiore dell’ortensia  in tanti mazzetti che ho legato con il solito fil di ferro ad una corona fai da te. Le spiegazioni per realizzare la corona con liane di Lonicera le trovate qui.

PicMonkey Collage2

Il fiore dell’ortensia si presta bene ad essere utilizzato per realizzare coroncine romantiche. Anche con il passare del tempo, i fiori ormai secchi non si rompono, ma soprattutto non marciscono, perdono solo un po’ di lucentezza. Hanno quell’aria un po’ fanè che piace tanto! Trovo che sia il punto di forza di questo fiore, che da sempre, si raccoglie per essere essiccato ed usato, nelle composizioni floreali o semplicemente per creare grandi mazzi che dureranno tutto l’inverno.

occorrente:
una corona di Clematis Vitalba oppure di Lonicera o caprifoglio, come in questo caso
1 o 2 fiori di Hydrangea Macrophylla
bacche di viburnum plicatum
filo di ferro fine
e …un pochino di pazienza

Fuchs e le ortensieColto sul fatto! Cosa sta cercando Fuchs?

H. Macrophylla

                     Hydrangee Macrophylla del mio giardino

cuori di banksiae

DSC_0027t DSC_0028tDSC_0030t

Per ragioni di bon vivre’ familiare, ho dovuto dare una generosa sforbiciata alla mia bella rosa  Banksiae ‘Alba Plena‘. Piantata anni fa vicino ad un vecchio pozzo, ogni anno  mi regala profumate ed abbondanti fioriture. I suoi flessuosi e lunghi rami, privi di spine, cadono a terra formando un maestoso cespuglio. I minuscoli fiori bianchi riuniti a mazzetto sono attesi come la manna per tutto l’anno.

Mi è venuta un’idea…
DSC_0003DSC_0007Mentre accorciavo e ridimensionavo la pianta, gettavo a terra i rami recisi. E’ bastato uno sguardo a farmi venire un’idea.

Invece di intrecciare i rami per una veloce ghirlandina, perché non fare un cuore?
Per il mio mazzetto: rosa  Cubana, Rosa Rubiginosa, bocciolo di rosa Barni (ahimè non so ancora il nome), fragoline matte e fiorellini gialli.

note culturali
Le rose Banksiae,  conosciute e coltivate in Cina già nella metà del Cinquecento, arrivano in Europa solo alla metà del ‘700, grazie al botanico Sir Joseph Banks, fondatore della Royal Horticultural Society.

Le Banksiae sono rose sarmentose di dimensioni importanti, possono infatti raggiungere i 15 metri di altezza. Nei primi anni di vita necessitano di un sostegno: un muro o un tronco di un albero andranno benissimo. Questo servirà anche da riparo contro il  freddo, anche se si sono rivelate più rustiche di quello che si pensava. Crescendo, si formerà il tronco che sosterrà la pianta. Le Banksiae fioriscono precocemente una volta all’anno, ad aprile. A seconda della varietà, i fiorellini raccolti in piccoli mazzi possono essere semplici o doppi, bianchi o gialli. Non necessitano di potatura… se non di contenimento!fiori

Rosa Banksiae ‘normalis‘ è la rosa specie, fiore semplice bianco, profuma di violetta
Rosa Banksiae ‘Alba Plena‘ fiori stradoppi bianchi, profumata
Rosa Banksiae ‘Lutescens‘ fiore semplice giallo
Rosa Banksiae ‘ Lutea‘ molto robusta,  fiorisce di giallo a fiore stradoppio, non profuma
Rosa Banksiae ‘Purezza‘, creata negli anni sessanta in Italia,  ha fiori bianco puro, foglie verdi scuro può essere leggermente rifiorente.

La prima ad arrivare in Europa fu  Banksiae ‘Alba plena’ nel 1807P1020732