Dicevamo?…..Stanca ma FELICE!!!

Vi racconto la mia avventura torinese. Da dove parto? Dai fiori ovviamente. 

Vi ricordate  Vivian quando torna in albergo con gli acquisti di Rodeo Drive, nel film Pretty Woman?

Al posto di abiti e scarpe… mazzi e mazzi di fiori, più di quello che potreste immaginare! E’ stato eccitante!  Per la mia “2 giorni torinese”, il mercato fiori torino  ci ha omaggiato di peonie, lillium, calle, limonium statice, girasoli, roselline, alstroemeria, cavalieri (dhiantus barbatus),violaciocche, fagus, ruscus, ligustro, edera, colza… Insomma, tutto quello che la stagione offre! Eh già, tutti questi fiori sono coltivati nella provincia di Torino. Che bello!!! Bouquet a Km O!!!  Sempre al mercato una gentile signora  ci ha donato mazzetti -già puliti- di un’erbetta con minuscoli fiori bianchi che cresce nei prati. Il nome, Capsella bursa pastoris, me l’ha suggerito Mimma Pallavicini.

 Antonio Saitta -il presidente della provincia di Torino- con un bouquet di Capsella e rose

Io e la mia straordinaria fornitura floreale siamo partite alla volta della città. In via Carlo Alberto stava iniziando Flor12. Nel cortile della Camera di Commercio di Torino, due instancabili e validi aiutanti mi aspettavano per aiutarmi a costruire una vera boutique floreale. Per due giorni interi, ho confezionato, affiancata dai “boys”(come li ha chiamati Mimma) mini bouquets da passeggio da omaggiare a chi ne volesse. Devo dire che non ho sofferto di solitudine!

Grazie a Mimma Pallavicini per avermi invitato e un grazie doveroso ai “boys”, senza di loro non ce l’avrei fatta!!! e grazie a  Fully, che per la mia partecipazione a Flor12, ha preparato grissini alla lavanda, al timo, al rosmarino e splendide -ma soprattutto  buone-  mini cake alla carote.