#fioridivenerdì- – – – – i fiori di carta cotta

Io porto il materiale -i fiori di carta cotta- e tu mi insegni ad utilizzarli nella composizione floreale.
Si può fare? Mi chiede Lidia di Jardin de papier.
Nasce così un corso ad hoc, dove il protagonista è il fiore assoluto, senza altro elemento se non il contenitore.20160205_jardin_de_papier_1

La carta e i colori da sempre l’hanno affascinata, ma è durante un viaggio negli Stati Uniti che Lidia scopre la tecnica della carta cotta rimanendone affascinata. Dotata di grande manualità e pazienza inizia a cuocere e a colorare la carta crespa, e prendendo spunto dalle piante presenti in giardino, sua grande passione, realizza i primi fiori. Con il passare del tempo Lidia affina la tecnica apportando nuovi accorgimenti e –segreti– per rendere più veri i  fiori. Le corolle presentano sfumature e ‘macchie’ -come li definisce- , reali screziature aggiungo io.  20160205_jardin_de_papier_6Anche se i suoi fiori sono di fantasia, non li copia da uno vero. Io ho riconosciuto (?): tulipani, Camellia japonica ‘The Czar’, Paeonia suffruticosa, garofani e gemme di magnolia stellata.  20160205_jardin_de_papier_7Ottimi complementi d’arredo per luoghi dove non è possibile utilizzare dei veri fiori.
20160205_jardin_de_papier_4

20160205_jardin_de_papier_5 (2)