#fioridivenerdì_ci incontriamo a Masino alla Tre Giorni per il giardino?

Domani a Caravino nel Parco del Castello di Masino si inaugurerà la 28ma edizione di Tre Giorni per il Giardino.

Da venerdì 3 a domenica 5 maggio nel grande prato del Castello si svolgerà la più importante mostra-mercato floreale.
Riconosciuta a livello internazionale come una delle manifestazioni più prestigiose del settore, offre a professionisti e ad appassionati, un’occasione unica per ammirare e acquistare piante e fiori di qualità. I vivaisti presenti, provenienti da tutta Italia e dall’estero, saranno circa 140.

Come sempre l’appuntamento sarà arricchito da un programma fitto di conferenze e incontri tematici, presentazioni di libri sulla cura del verde e sui giardini, laboratori didattici per i più piccoli.

Sul web si fanno molte conoscenze e Masino è un ritrovo ed un’occasione per conoscersi di persona, domani, sarà una giornata ricca di acquisti, di chiacchiere, di nuove conoscenze e scoperte.
Io sarò a Masino domani mattina dalle ore 10 ca.

La mostra apre al pubblico alle 14, ma per i tesserati FAI e Soci dell’Accademia Piemontese del Giardino c’è la possibilità di entrare alle 10 e di visitare  la”Tre giorni per il giardino” prima dell’orario di apertura ufficiale.

perdetevi negli spettacolari viali di Spirea Vanhouttei

La manifestazione è nata nel 1928 da un progetto di Marella Agnelli e Paolo Pejrone con l’obiettivo di promuovere e fornire al pubblico un prodotto di qualità, incentrato sulla bellezza e sulla diversità.
Un luogo dove far incontrare i migliori espositori in circolazione con i giardinieri e gli appassionati del verde.

Prezzo biglietti d’ingresso (si possono acquistare on-line qui: )
11 euro (15 euro con visita al Castello)
5 euro – under 14
5 euro – tesserati FAI e Soci dell’Accademia Piemontese del Giardino (con possibilità, venerdì dalle 10 alle 14, di visitare “Tre giorni per il giardino” prima dell’orario di apertura ufficiale)
gratis – residenti a Caravino e Cossano Canavese.

Informazioni
Per contattare il Castello di Masino (FAI) telefonare al numero 0125.778100, oppure scrivere via email a faimasino@fondoambiente.it.

Per uno spuntino veloce nel Parco saranno presenti dei punti ristoro con piatti caldi e prodotti tipici del canavese, le aree bar. Per una pausa più lunga si potrà pranzare al Ristorante del Castello che si trova nel Salone della Marchesa.

andar per ellebori

L’elleboro è un fiore sobrio ed elegante, mi vien da dire quasi aristocratico per  quel suo modo di fiorire all’ingiù. Infatti per poter ammirare pienamente i suoi fiori, occorre quasi riverirlo. Solitamente piantato in giardino, ci si abbassa, si prende tra le mani il fiore e lo si gira con cautela all’insù per guardarlo.

Durante gli anni ho collezionato diverse specie di ellebori, che differiscono per colore, grandezza e trama delle corolle. Sotto la Camelia c’è il classico ed immancabile Helleborus niger, o rosa di Natale, poco più in là nell’altra aiuola incontriamo l’Helleborus viridis, o elleboro verde, l’Helleborus foetidus e l’Helleborus purpurascens dai fiori color violetto. Nella nuova aiuola -ancora in costruzione- l’anno scorso ho piantato l’Helleborus orientalis nei vari colori

L’elleboro è uno dei miei fiori preferiti, sia perché mi piace il suo fiore e forse anche perché -con poco sforzo- mi ha dato sempre grosse soddisfazioni crescendo e moltiplicandosi.
I suoi fiori recisi poi sono dei validi elementi nella composizione floreale.

Ora ne ho di nuovi, Susanna Tavallini è venuta a fare un sopralluogo nel mio giardino di Carnago per una consulenza giardinieristica e me ne ha portati alcuni, uno di questi ha il fiore quasi nero e le foglie anch’esse nere hanno la venatura centrale verde brillante. Una bellezza!

Segnalo la 21a edizione di HELLEBORA, la mostra mercato che Susanna Tavallini ogni anno organizza presso il suo Vivaio La Montà. Date e riferimenti li potete trovare sotto nella locandina.

Con un gruppetto di amiche ci andrò sabato nel primo week-end di apertura, che oltre agli ellebori si potranno incontrare le primule e viole di Roberta Marchesi, le rose di Maurizio Feletig, gli arbusti della Floricoltura Nifantani e i rami colorati di Mario Mariani.

Se qualcuno volesse unirsi al gruppetto mi contatti  qui o su FB.

un clematis dai fiori blu e profumati per il giardino di ottobre

Ad impreziosire la mia aiuola (qui) di Aspirine Rose, lavande e geranium, una Clematis erbacea dai fiori blu e profumati.Siamo soliti pensare alle clematis come piante rampicanti, a foglia caduca -quasi tutte-  e quasi sempre molto vigorose. Le ammiriamo quando si arrampicano su tralicci, ricoprono porzioni di muro o vecchi tronchi di alberi. Hanno fiori di vari colori e dimensioni ed alcune dopo la fioritura si ricoprono di ‘pappi’ simili a dei leggeri piumini.

Cercavo un cespuglietto leggero da mettere nell’aiuola che avesse piccoli fiori. Ed ecco che a un’ Orticola di anni fa la trovai da Beatrice Consonni. Piantata sulla destra dell’aiuola, Clematis heracleifolia “Wyevale” era quello che cercavo!
Oggi l’aiuola è adulta e la clematis con i suoi piccoli fiori azzurro chiaro -simili a quelli dei giacinti- che fanno pendant con quelli del geranium ci sta benissimo! Anche la sua forma contenuta, leggera e la sua altezza massima di 1 metro, è ben proporzionata e si integra bene con i cespugli delle Aspirine Rose.
Inoltre il suo profumo delicato mi accompagna quando rincaso. 

Clematis heracleifolia “Wyevale” è un’erbacea perenne, proveniente dalla Cina, vigorosa e robusta. Nelle nostre zone resiste bene anche in inverno, quando le temperature minime scendono sotto lo zero. Si adatta bene in qualsiasi terreno da giardino, umido, meglio se poco calcareo. Predilige zone luminose con sole del mattino. Non necessita di potatura, in quanto d’inverno la parte aerea secca del tutto.
Si pianta da ottobre fino a maggio.

Domani  inizia Orticolario, la grande kermesse floreale del lago di Como che si svolge a Cernobbio.  Un’occasione -se vi è piaciuta questa insolita clematide- per cercarla dai vivaisti di erbacee perenni, di rampicanti e ovviamente da chi vende solo clematidi.
E …se non la trovate, ricordate che le mostre d’autunno sono appena iniziate!!!

#fiori di venerdì


AutunnoSiamo in  autunno!

Sicuramente il momento più bello per chi ama il giardino e i colori. Il periodo è denso di appuntamenti verdi, che ci invitano a conoscere e a scoprire  l’evoluzione delle piante nelle varie stagioni dell’anno. Alle mostre non troviamo solo piante, ma anche frutti antichi, arredi per la casa e il giardino, cesti impagliati, casette e mangiatoie per uccelli, le ultime sull’orto e tanti esempi di come progettare il proprio spazio verde. Inoltre ci sono conferenze, presentazioni di libri e dimostrazioni floreali.
Se amate il mondo del verde e siete curiosi delle novità, non avete che l’imbarazzo della scelta. Qui il calendarioOrticolario 2013 backstage 005t

Anche quest’anno parteciperò al laboratorio floreale organizzato dal flower designer Giovanni Ratti che si terrà durante Orticolario.

Vi piacciono i fiori e le composizioni floreali, non mancate all’appuntamento!!!
In programma quattro dimostrazioni floreali con:Il Gruppo Fioristi di Confcommercio Como, la Fondazione Minoprio, l’ Associazione Piante  e Fiori d’Italia e la Scuola Olandese di Almelo.
Tutti insieme appassionatamente! Una vera Kermesse!!!
Dove  e quando:
Davanti alla villa antica lato sud, nei giorni di sabato e domenica ore 10.30 e ore 15

 

Oggi inauguro #Fiori di Venerdì

Ogni venerdì
l’appuntamento fisso con una proposta fiorita per Voi, per la vostra tavola o da regalare.

DSC_1166tLa mia proposta di oggi è un centrotavola elegantuccio. Per realizzarlo occorrono: mattonella di  idro-spugna, foglie di aspidistra, bacche e qualche fiore tra cui la Dahlia. fiore di stagione che fiorisce adesso. Quest’anno è la protagonista della quinta edizione di Orticolario
DSC_1162tQuesto meraviglioso bulbo, con le sue molteplici sfumature di colore, e con le sue diverse forme, mi comunica allegria! Anche voi ne siete contagiati?

DSC_1164t

Oggi purtroppo è ancora un po’ sconosciuta, o meglio: poco considerata come fiore pregiato e raramente la si nota nelle composizioni floreali accanto a rose e a bacche, mentre invece, io la trovo elegante! Il suo posto da sempre è l’orto, dove a fine estate, svetta alta tra pomodori e cetrioli. Adesso qualcuno azzarda: e allora la si può scorgere nei  mixed border tra trcyrtis e chelone. C’è invece, chi la ama e la propone da sempre.
Un Grazie va ad appassionate giardiniere a cui va il merito della sua diffusione.  Per citarne due: Anna Peyron e Susanna Tavallini.

 

Flor 13

Per questo fine-settimana la gita fuori porta è d’obbligo. Meta la bella Torino.
Ieri, oggi e domani,  la città è vestita ‘a fiore‘.  C’è Flor 13 che giunta alla terza edizione anima la città da mattino a sera.
Per le vie del centro, espositori di  piante rare e fiori insoliti si alternano ad artigiani di vasi, utensili, arredi…
Il mondo del gardening vi aspetta!

Per saperne di più cliccate qui

flor13_logo

994039_10200836277846006_1705265724_n

Numerose le iniziative che ruotano attorno a questa bella iniziativa.

Una tra queste: L’ Associazione Maestri di Giardino è presente durante tutti i tre giorni della manifestazione con il giardino naturale. Possibilità di visite guidate al giardino del Castello di Palazzo Madama. Inoltre potrete trovare tutti i nostri libri comprese gli ultimi usciti.

La mia esperienza a  Flor 12

auguri Flor 13_n

 

A Flowers & Food, piante, cibo e fiori vanno di pari passo

Se volete andare oltre alla classica mostra mercato, sabato e domenica venite ad Acqui Terme per la prima edizione di Flowers & Food
Laboratori, conferenze, aperitivi e cene tutto a base di fiori.

Vi aspetto per un laboratorio pratico con fiori recisi di stagione
Abbineremo le creazioni floreali
ai raffinati piatti d’autore degli chef

Flowers & Food

Piante fiori giardini e tavola in festa
25 – 26 maggio 2013 – Corso Bagni, Acqui Terme

mostra mercato di piante e fiori, incontri con esperti e studiosi, novità librarie di botanica,
orticoltura e giardini, laboratori di manualità in tema, i fiori nel piatto, educazione
alimentare in forma golosa per grandi e bambini
logo Flowers and Food

…”I laboratori “femminili” del sabato pomeriggio saranno invece condotti da due “nomi” della manualità creativa nazionale. La maestra ricamatrice bresciana Monica Crescini (www.monicacrescini.it) insegnerà a disegnare il ricamo dei fiori e con aghi e fili colorati guiderà a trasporli sulla stoffa. La maestra fiorista novarese Betti Calani (passeggiandoingiardino.wordpress.com e http://www.betticalani.com) terrà invece un corso di composizione di fiori recisi e le signore che vorranno cimentarsi potranno decidere se lasciare la loro “opera” per abbellire le tavole della cena elegante sotto il tendone-ristorante della mostra oppure portarla a casa come ricordo vivo di un momento floreale vissuto e condiviso con altri appassionati”…

Per saperne di più clicca qui
Flowers @ Food

Info Flowers&Food 2013
Da sabato 25 maggio alle ore 9 a domenica 26 maggio alle ore 19. Sabato sera
chiusura della mostra mercato alle ore 21.
Accesso gratuito a tutte le attività, alle conferenze e agli intrattenimenti.
Servizio di ristorazione e aperitivi a pagamento.
Servizio gratuito di navetta per la visita di Villa Ottolenghi.
È gradita, ma non necessaria, la prenotazione ai laboratori.
Organizzazione e segreteria
Comune di Acqui Terme, Ufficio Commercio tel. 0144-770254
Info stampa
Mimma Pallavicini, mimma.pallavicini@gmail.com
tel 015-641700 cell. 328-4760791

Un’anteprima di Monica Crescini

invito laboratorio ricamo

_______________________________________________________________

ranuncoli e anemoni mi aspettano

a Verdemura  (Lucca) per un laboratorio floreale:

«Bouquet e creazioni di primavera con ranuncoli e anemoni»
I visitatori possono apprendere le regole di una composizione floreale e chiedere l’allestimento gratuito di piccole composizioni, anche per decorare vasi e oggetti acquistati in mostra..

domenica 7 Aprile  ore 10-16
presso il loggiato del Castello di Porta Santa Maria

manifesto_verdemura_2013