sciroppo con i fiori di sambuco

Brindiamo all’inizio dell’estate con una bevanda rinfrescante, buona e genuina. Nel bosco ho raccolto i fiori di sambuco per fare il famoso sciroppo.

Anche nel mio giardino c’è un grosso cespuglio di Sambuco, onestamente, si trova nel bosco oltre la rete di recinzione, ma la rete è nascosta dalla siepe informale, e io da sempre lo considero mio. Nelle notti di maggio e giugno, al culmine della sua fioritura, lo illumina creando un’atmosfera magica.

Il Sambucus nigra  o sambuco comune è un arbusto perenne, a portamento eretto, deciduo. Cresce spontaneo in Italia -in ambienti ruderali- lungo le strade, le linee ferroviarie e nei boschi umidi.Da maggio fino a giugno fiorisce, e da cespuglio verde diventa tutto bianco. Le infiorescenze, corimbi, sono formati da minuscoli fiori a forma di piccole stelle color bianco-panna, profumatissime, che ricordano il muschio. Hanno una dimensione di 10 centimetri circa, ma alcune piante producono fiori molto grandi, larghi fino a 20 centimetri!

I fiori lasciano il posto ai frutti, drupe rotonde (bacche), nere e lucide. Si raccolgono a fine estate per preparare gelatine e confetture.

foto web

Oltre al Sambuco comune, presso i vivai specializzati in arbusti, è possibile reperire delle varietà interessanti da inserire nei nostri giardini. Io sono stata attratta da Sambucus nigra ‘Black Lace’. Bellissima cultivar di sambuco che ha la caratteristica di avere foglie frastagliate, sottili, di colore porpora-nero e fiori che nascono rosa per poi andare sul classico colore bianco. Ha dimensioni leggermente più contenute della specie. Ama terreni fertili e ben drenati in posizione soleggiate. L’ho piantato vicino al vecchio fico, dove c’è un’ombra luminosa, perfetta per le sue foglie colorate, che si conservano meglio.

Ancora una volta ho provato a realizzare una composizione floreale, ma purtroppo ho constatato che il fiore reciso non dura, appassisce subito. Peccato! Con il suo dolce profumo ed il suo portamento morbido, si potrebbero realizzare deliziose composizioni per le tavole estive.

Gratificante invece è lo sciroppo. Facile da preparare, buonissimo da bere con acqua ghiacciata.
Che soddisfazione!!!
L’ho servito al mio ultimo Workshop di stagione: Decorare con rose e peonie ed ha avuto un gran successo, tanto che le partecipanti -ormai tutte amiche- mi hanno chiesto la ricetta che lascio anche a voi!

Tempo di preparazione: 15 minuti + 48 ore di riposo + 15 minuti di cottura
Ingredienti:
– 30-40 grappoli di fiori di sambuco;
– 6 limoni biologici;
– 1/2 litro di acqua;
– 1,5 kg di zucchero (potete usare anche lo zucchero grezzo di canna);
– 2 cucchiaino di aceto di mele biologico
Preparazione:
Pulite i fiori di sambuco dai rametti verdi più grossi e lavateli delicatamente sotto l’acqua fredda.
Lavate i limoni, spazzolate la buccia
Tagliate i limoni a fettine eliminando le estremità.

In un recipiente capiente con coperchio a chiusura ermetica (io uso dell Tupperware), mettete alternando i fiori con le fettine di limone e coprite con il mezzo litro d’acqua.
Lasciate macerare il tutto per circa 48 ore in un luogo fresco o in frigorifero.
Trascorso il tempo filtrate con un colino a trama fitta , quello che ottenete sarà quasi lo sciroppo.
Trasferite il liquido ottenuto in un pentolino, aggiungete lo zucchero, l’aceto di mele e portate ad ebollizione.
Tenete il fuoco basso e fate cuocere per altri 5-10 minuti.
Lasciate raffreddare lo sciroppo di sambuco, imbottigliatelo e conservatelo in frigo.
Come usare lo sciroppo di sambuco:

Bevanda:
Diluite due cucchiaini di sciroppo in un bicchiere di acqua fredda e aggiungete del ghiaccio. Aumentate o diminuite la quantità di sciroppo a vostro piacere.

Tisana:
a una tazza di acqua calda aggiungere due cucchiai di sciroppo
Ottimo anche per profumare l’impasto di torte e crostate

 

con le bacche invece
a fine agosto raccolgo i frutti di sambuco, giunti ormai a maturazione. Prima saccheggio il mio e poi vado nel Parco del Ticino, gli arbusti lungo la strada non sono tanto alti, e riesco a fare la raccolta in modo semplice.
Il procedimento per fare questa confettura è un po’ laborioso. Prima si sgrana il racemo tenendo le bacche nere e scartando quelle verdi, in quanto velenose. Le bacche si fanno bollire e a cottura raggiunta si deve passare tutto al setaccio per eliminare i semi.
Ma ne vale la pena, il risultato è ottimo! Una confettura che io utilizzo per guarnire le crostate.

Spose, tutto è più romantico …venite a scoprire il perché

E tra una pallina dell’albero di Natale ed una ghirlanda di pino profumato, penso al wedding.
winter-weddingHo già eseguito diversi matrimoni in questa stagione e posso affermare che mi piace molto realizzarli. Gli allestimenti floreali hanno un non so che di romantico. La luce delle giornate invernali, le candele e il paesaggio tutt’intorno creano un’atmosfera unica. Magica e romantica.

I colori dei fiori uniti ai rami delle piante sempreverdi, -piante fantastiche- che ho iniziato ad amare dopo la visita ad un giardino francese, donano alle composizioni floreali allegria e completezza.winter-wedding-shooting-126_1Anche le coroncine delle spose d’inverno, sono perfette se realizzate nei toni del bianco e verde. Romantiche e un po’ gipsy, sono amatissime dalle spose di tutte le età.winter-wedding-shooting-140_1

Ho rinnovato la gallery del sito, se cliccate quitroverete altre spose con le coroncine. Inoltre -sempre nella gallery- scoprirete tantissime idee per il vostro matrimonio primaverile, estivo ed autunnale.

Buona visione di bouquet, abiti, mise en place e poi …loro gli immancabili fiori. Peonie, rose e lavanda e tanto altro.

#fioridivenerdì- – – – – centrotavola di corteccia

Sono iniziate le cene sociali, di lavoro, e anche tra amici. Lo scopo è quello di scambiarsi i classici auguri di Natale.
Ecco un’idea -assolutamente riciclabile- per decorare la vostra tavola. 20161209_centrotavola_moderno_di_corteccia-10L’anello è formato da lunghe strisce di corteccia piegate e infilzate. Un filo di ferro le attraversa unendole.
Ho posizionato steli di Dendrobium bianco, rametti di Eucalyptus e porzioni di rami di Abies nordmanniana nelle provette in vetro, nascoste all’interno.

Sul tavolo della festa non possono mancare le candele. In questo caso ho inserito tra le pieghe, candele lunghe e sottili in un color caldo che si intona con la corteccia.
Il nastro infine dona un tocco elegante a questo rustico centrotavola.20161209_centrotavola_moderno_di_corteccia-4Una composizione floreale adatta ad un tavolo tondo, ma anche a quello ovale, posizionandone due. Intonata anche nelle cene cosi dette: in piedi, sulle tavole dei buffet.
20161209_centrotavola_moderno_di_corteccia-9Se lasciate libere le candele -cioè senza protezione del vetro- curatele quando consumandosi arriveranno vicino alla corteccia.

Un matrimonio country-scic

Un angolo di verde all’interno di ACasa Salone dell’arredamento.

Il mio stand dedicato: al matrimonio, alla cerimonia a una cena importante.

DSC_0353T

Ho immaginato di essere in un giardino: una panchina in legno posta tra una magnolia stellata che sta per fiorire con i suoi sfrangiati fiori bianchi e colorati rami di Cornus stolonifera ‘Flaviranea’ e Cornus sanguinea ‘Winter Beauty’.  Una vecchia porta in legno con appesa una composizione floreale e poco più in là, due sontuosi candelabri richiamano l’attenzione per una tavola country scic.  

526780_4250663198345_2076765172_n

188796_4250664078367_1573029160_n

tavola

.