Non è Natale se manca l’Hippeastrum

QUANDO arriva il periodo di Natale il mio ‘Atelier di fiori’ si colora di rosso e di bianco, i fiori di Hippeastrum non mancano mai nei grandi vasi di vetro.

Riempio i vasi con un po’ d’acqua, accorcio di un pochino i lunghi rami degli Hippeastrum, pratico un forellino sotto il calice e poi li divido per colore:
inserisco quelli  a fiore rosso con qualche ramo verde di Abies Nordmanniana, di Cedro e Vaccinium myrtillus;
e quelli a fiore bianco con i rami di Eucalyptus e di Asparagus plumoso.

Di grande effetto sono pronti da portare a casa avvolti nella carta colorata oppure da scegliere per farne composizioni floreali con muschio, pigne e nastri.

Se vi piace questo fiore dal grosso bulbo e volete saperne di più’… come ad esempio come provare a coltivarlo, ne ho parlato qui

Gli Hippestrum sono fiori molto resistenti e ci faranno compagnia per quasi tutto il periodo natalizio.
In presenza di case con temperature elevate, durante la notte, consiglio di posizionare il vaso in cantina o nel vano scala, dove la temperatura è inferiore a quella che della casa.

Workshop Aspettando il Natale e l’11 dicembre

Forse dall’11 dicembre fino al 21 la Lombardia diventerà gialla.
Il Temporary Store e lo SpazioCorsi vi aspettano!!!

#fioridivenerdì- – – Black Friday con Betti Calani

E anche il 2020 -anno che non dimenticheremo tanto facilmente- si appresta a regalarci la festa più attesa dell’anno: il Natalecottage_2020

Il 3 dicembre -forse- finirà il lockdown, e se cosi sarà, potremo rivederci.
Lo SpazioCorsi sarà aperto per:
il consueto workshop ‘Aspettando il Natale‘  da effettuarsi a piccoli gruppi (amiche, familiari, congiunti) o individuale
Il Temporary Store con tante idee da portar via subito o da prenotare,
Il kit-Natale con rami, pigne e nastri, ecc.

Ieri durante la Diretta Instagram (in onda tutti i giorni ore 18.30) ho annunciato che anch’io quest’anno partecipo alla settimana Black Friday, e che terminerà venerdì prossimo 5 dicembre.

Da ieri sono partiti gli sconti:
sconto del 25% per chi acquisterà uno o più  workshop -dal prossimo a tutti quelli del 2021 (le date qui)- per sé o da regalare:
sconto del 30% a chi acquisterà la corona di Natale

 

Scarica il buono e contattami per tutte le informazioni che ho dato ieri durante la Diretta:
🎄sul mio sito che vi metterà direttamente in contatto con me su WhatsApp
💌oppure ai miei soliti contatti: mail, telefono, social.

#fioridivenerdì- – – – – – – corona di Natale trasformista

Il tempo di oggi e di questi ultimi giorni mi ha illuminata…

Ho rispolverato la corona di Natale dell’anno scorso che era appesa sul cancello di casa, e che vi era piaciuta, e l’ho -ancora una volta- trasformata.

A Natale in veste natalizia con luci e rami di Abies nordmanniana, a fine inverno ‘fresca’ con muschio e fiori primaverili e ora ‘avvolgente’ in veste autunnale.

Questa mattina ho indossato il cappello, gli stivaletti viola e ho fatto una passeggiata in giardino. Ho raccolto quello che mi ha colpito e che potesse rivalutare la mia vecchia corona.

Ho lavorato a zone creando una parte color naturale con felci e infiorescenze di Hydrangea quercifolia, una parte rossa con bacche di Cornus Florida, di Cotoneaster e fiori di Hydrangea macrophylla e una gialla con rami di Punica granatum meglio noto come melograno da fiore e rami di Forsythia.

Oh… finalmente una nota di colore che ha rallegrato questa giornata uggiosa!!!

Abbiamo fatto la ghirlanda di Natale

E per chi non ha potuto partecipare al primo workshop ‘Aspettando… il Natale’ 2019, eccoci al lavoro!
Come sempre abbiamo lavorato bene e seriamente, e come sempre non sono mancati momenti di ilarità.

Tutti gli anni la Magia del Natale si ripete realizzando la corona di pino.

Questa volta come base abbiamo ri-utilizzato la gruccia o meglio l’omino appendi-abiti in ferro, quello che utilizzano le lavanderie.
Per le mie corone natalizie utilizzo quasi sempre i rami dell’Abies Nordmanniana, sono di colore verde scuro, pieni di aghi che non perdono mai.
Ciuffetti verdi, filo di ferro e un po’ di pazienza… e voilà tutte le partecipanti -molto soddisfatte- hanno realizzato la corona da appendere sulla loro porta di casa.

A lavoro ultimato c’è chi l’ha decorata con qualche pigna sbiancata o naturale, chi ha messo le bacche della rosa corallina, chi un nastro o chi semplicemente ha utilizzato la corda di lana… qui allo SpazioCorsi è di moda 😉

si ringrazia event_photo per il video e per le foto che seguiranno a breve.